Bioupper, tre startup si aggiudicano la vittoria!

Finale Bioupper 2019
Scienze della vita

Si è conclusa con successo la finale di Bioupper, il programma promosso da Novartis e Fondazione Cariplo, in collaborazione con Cariplo Factory e con la partecipazione di IBM, a sostegno delle startup nel settore scienze della vita. L’edizione 2018 ha registrato 158 candidature per la Call for Ideas e 52 per la Call For Scale, con una rosa di candidati di 10 startup.

A decretare le startup vincitrici una nutrita giura, riunita presso il Ministero dello Sviluppo Economico e composta da rappresentanti delle aziende promotrici, del mondo dell’università e della ricerca scientifica e e partner dell’iniziativa. Ad aggiudicarsi la vittoria finale, un voucher di 180 mila euro in servizi e l’accesso alla fase di go to market, sono state tre startup:

 

Anant

Anant ha progettato un dispositivo per l’analisi del tessuto cutaneo e la prevenzione dei tumori della pelle. Il dispositivo medico utilizza l’intelligenza artificiale per dialogare con il paziente e il suo dermatologo.

 

Patch  

La startup Patch ha ideato un chatbot basato sull’intelligenza artificiale, un assistente personale al servizio del paziente. Il chatbot consente una migliore interazione tra i pazienti e il personale medico, a beneficio di una migliore efficienza e accuratezza dei test clinici.

 

Quickly Pro

Il progetto di Quickly Pro è un device indossabile e collegato ad una App. Il dispositivo guida la deambulazione dei pazienti, migliorandone la degenza e la riabilitazione.

 

“Questa terza edizione ha confermato che in Italia abbiamo le competenze, la creatività e il tessuto industriale adatto per dare vita a progetti innovativi nel campo delle scienze della vita, settore strategico che cresce, crea lavoro e incide sulla ricchezza del Paese.” ha concluso Pasquale Frega, Country President di Novartis Italia alla fine della giornata al Ministero dello Sviluppo Economico.

Back to top

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter